Pubblicate le linee guida per la redazione del Piano di eliminazione delle barriere architettoniche (P.E.B.A)

Componente CNR del “Gruppo di lavoro per la redazione di provvedimenti anche a livello normativo inerenti il superamento delle barriere culturali, cognitive e psicosensoriali nei luoghi della cultura di competenza del Ministero per i beni e le attività culturali aperti al pubblico e nella fattispecie musei, monumenti aree e parchi archeologici (D.D. rep. n. 582 del 27.06.2017)”.
Le linee guida per la redazione del Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche (P.E.B.A), sono state pubblicate sul sito del MiBAC visibili dal seguente link:
http://musei.beniculturali.it/notizie/notifiche/linee-guida-per-la-redazione-del-piano-di-eliminazione-delle-barriere-architettoniche-p-e-b-a

Analysis and data acquisition methodology based on flying drones for the implementation of the internet of everything to smart archaeological areas (30 luglio 2018)

Fabio Garzia, Mara Lombardi, Luca Papi
Abstract

Cultural heritage sites such as places of archaeological interest generally extend over wide areas. Those who manage such sites need to ensure cultural heritage preservation, visitor safety, security and access and need to take into consideration visitors with disabilities.
This fundamental goal is attainable by means of integrated systems and innovative technologies, such as the Internet of Everything (IoE), which can link together people, things (mobile terminals, smart sensors, devices and actuators, wearable devices), information (data, knowledge) and processes.
Since much information is needed to design a suitable IoE-based system, necessary to realize a Smart Archaeological Area, an appropriate methodology has been developed.
The purpose of this article is to report on a suitable analysis and data acquisition method based on flying drones, necessary for the design and realization of such an IoE-based integrated system for archaeological areas. To ensure practicality, reasonable final costs, minimal risk levels and an elevated level of reliability and resilience, we consider the restrictions imposed by a typical archaeological area and use it to assess the system we have developed.

https://www.witpress.com/elibrary/ha-volumes/2/3/2278?utm_source=witpress&utm_medium=email&utm_content=36515&utm_term=paperlink&utm_campaign=2018-07-30_ha-v2-n3

VIII FESTA DELLA SCIENZA E FILOSOFIA – FOLIGNO (27 aprile 2018). L’AVVENTURA DELL’UOMO: DA QUALE PASSATO, VERSO QUALE FUTURO. La scienza consente di spiegare ciò che avviene attorno a noi, nel microcosmo e nel macrocosmo, cambia il modo di produrre, lavorare, spostarci e viaggiare, acquistare, comunicare, plasmando il modo di vivere e di pensare.

Luca Papi – Sistemi tecnologici integrati per la gestione della sicurezza e per la riduzione del rischio delle aree archeologiche e delle aree terremotate

IL FUTURO PER SCOPRIRE IL PASSATO (Servizio di Morning Voyager del 23 marzo 2017 – RAI 2)

Pompei: verso lo Smart Archaeological Park

http://www.cnrweb.tv/pompei-verso-lo-smart-archaeological-park/

Andare verso la realizzazione del primo Smart Archaeological Park in Italia e al mondo significa promuovere una gestione intelligente, sostenibile e inclusiva del Parco Archeologico di Pompei armonizzando la tutela, con la protezione e la valorizzazione del Patrimonio attraverso:  l’adeguamento dei servizi ai reali bisogni e alle reali esigenze dei visitatori e degli operatori presso il Parco Archeologico;  l’incremento delle prestazioni dei dispositivi e degli impianti minimizzando i costi al fine di promuovere un uso efficiente ed efficace delle risorse; l’aumento dell’accessibilità delle persone con disabilità sensoriale e cognitiva all’interno del Parco.
Il modello tecnologico integrato attraverso l’uso delle tecnologie loT (Internet of Things), consente di controllare e gestire la sicurezza delle persone, dei monumenti in condizioni normali e in situazioni di emergenza.
Grazie alla tecnologia IoT, il sistema tecnologico integrato è modulare e flessibile, al fine di aggiungere in qualsiasi momento ulteriori dispositivi o componenti, sensori, utili alla gestione ottimizzata e sostenibile del sito. Tale sistema tecnologico integrato è replicabile anche in altri contesti culturali e ambientali.

Nel servizio di Morning Voyager sono intervistati: Massimo Osanna, Direttore Generale Soprintendenza Pompei, Alberto Bruni, responsabile Mibact per Smart@Pompei e  Luca Papi, responsabile Cnr per  Smart@Pompei.

An Internet of Everything Based Integrated Security System for Smart Archaeological Areas.

>Garzia, Fabio and Papi, Luca (2016) An Internet of Everything Based Integrated Security System for Smart Archaeological Areas. In: 2016 IEEE International Carnahan Conference on Security Technology (ICCST) Proceedings. Institute of Electrical and Electronics Engineers, Orlando, Florida, pp. 64-71. ISBN 978-1-5090-1070-7

The purpose of this paper is to illustrate an Internet of Everything based integrated security system for archaeological areas capable of ensuring visitors security, cultural heritage preservation/protection and great usability for visitors, with particular reference to visitors with disabilities. Genetic Algorithms (GAs) have been used to design the integrated security system, in particular for fields elements such as Wi-Fi Access Points, CCTV cameras, installation poles (to respect the archaeological vincula of the site) to ensure a reduction of final costs and a high level of reliability and resilience of the system itself, keeping, into consideration, the typical vincula and restrictions of archaeological areas The proposed system, together with the GAs based optimization technique, thanks to its flexibility, can be used in any kind of archaeological area or any kind of cultural site by means of a proper adaption.

VERSO UNO SMART ARCHAEOLOGICAL PARK

APREMagazine 2016

Un innovativo sistema tecnologico integrato per la gestione della sicurezza delle aree archeologiche è stato sperimentato ad Ocriculum (Otricoli, Regione Umbria) ed è in via di realizzazione a Pompei.

L’autore dello studio è Luca Papi, tecnologo del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), alla sua quarta tesi in Ingegneria della Sicurezza della Protezione Civile.

L’attività si è avvalsa anche della supervisione del prof. Fabio Garzia, docente di vari insegnamenti relativi al tema della security nel Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria della Sicurezza e Protezione Civile della Sapienza-Università di Roma e in corsi di specializzazione, Master e corsi di Dottorato di Ricerca nella stessa Università e in altri atenei sin in Italia che all’estero.